Tag Titolo Abstract Articolo
Salute
Il primo passo per intervenire contro la calvizie precoce è individuarne le cause
immagine

 

Redazione

I capelli sono un argomento particolarmente delicato, soprattutto per i giovani. Non stupisce, dunque, che negli ultimi tempi l’attenzione si sia sempre più spesso spostata verso la calvizie precoce, in veloce aumento in Italia: secondo i dati rilevati dalla Fondazione Nazionale sulla Ricerca per i Capelli (IHRF), infatti, un maschio italiano su 5 soffre di caduta prematura, con tutte le conseguenze psicologiche ed emotive del caso. Quella che viene chiamata alopecia androgenetica, dunque, diventa particolarmente seccante quando finisce per colpire soprattutto i 20enni, ancora nel pieno della loro vita sociale.

Calvizie precoce: cos’è e come si manifesta?

La calvizie precoce è una patologia che porta alla caduta dei capelli già in età giovanile, che si manifesta con un iniziale diradamento della chioma dovuto al restringimento dei follicoli piliferi, e successivamente con una caduta più o meno massiccia, dovuta stavolta alla chiusura dei suddetti follicoli, che smettono di essere operativi ed entrano in una fase dormiente. Purtroppo, l’alopecia androgenetica non sempre può essere curata, perché i follicoli che si chiudono sono destinati a non riaprirsi più: questo causa ovviamente un forte stato di paura nei giovani soggetti che cominciano a notare un primo diradamento dei capelli, che spesso parte dalle tempie e dalla nuca. Le cause, invece, possono essere varie: si va da una predisposizione genetica al calo degli ormoni androgeni, fino ad arrivare a cattive abitudini come il fumo.

Cosa fare in caso di sintomatologia da calvizie precoce?

Il primo passo per intervenire contro la calvizie precoce è individuarne le cause: questo perché l’alopecia androgenetica ha spesso un suo quadro clinico molto evidente, dunque va trattata in modo diverso rispetto alle altre patologie che portano alla caduta dei capelli. I testi tricologici sono dunque essenziali per diagnosticare questa condizione. Ed una volta che è stata individuata una tendenza all’alopecia androgenetica, bisogna intervenire con decisione. Come? Ad esempio utilizzando prodotti come le fiale per la ricrescita dei capelli per uomo Bioscalin, e adottando abitudini sane, allontanando lo stress ed abbandonando alcool e sigarette, dunque abbracciando uno stile di vita più responsabile e salutare. Da evitare anche l’uso di detergenti non idonei, di piastre per capelli e di acconciature a coda di cavallo.

Caduta dei capelli nei giovani: le conseguenze psicologiche

C’è una profonda differenza fra i giovani che soffrono di calvizie e le persone più avanti con gli anni: i primi stanno vivendo l’età più spensierata, sono continuamente coinvolti da un punto di vista sociale e sentimentale, e al tempo stesso sono soggetti a tensioni psicologiche non da poco. I secondi, per via della maturità e dell’esperienza, accettano con minor carico la perdita dei capelli. Nei ragazzi, invece, l’alopecia androgenetica ha degli effetti molto gravi sulla psiche e sull’umore: la caduta dei capelli viene infatti vista come una sorta di retrocessione da un punto di vista sociale, perché altera l’estetica e dunque sfavorisce il ragazzo che ne soffre in base anche alla competizione maschile. Le conseguenze? Mancanza di autostima, depressione e tutta una serie di meccanismi psicologici che si attivano, e che portano chi soffre di calvizie a sentirsi inferiore agli altri.

 

Ambiente & Territorio
Oltre ai rifiuti solidi, il Seabin è in grado di trattenere anche alcuni oli e inquinanti liquidi che galleggiano sull’acqua
immagine



di Gianfranco Nitti


La società finlandese Wärtsilä, leader nella fornitura di soluzioni per la generazione di energia per il settore marino e terrestre. ha siglato un accordo con Seabin Project, in cui aderisce al progetto pilota che affronta il problema mondiale dell’inquinamento degli oceani. Il progetto approccia la sfida da diversi punti di vista, con particolare enfasi sull’educazione, la ricerca e la tecnologia.


Wärtsilä prevede una collaborazione con Seabin Project per i prossimi tre anni
e ha sponsorizzato il coinvolgimento della città e del porto di Helsinki nel programma. La collaborazione tra Wärtsilä e Seabin punta a un’azione dinamica e versatile che sfrutti l’esperienza, le tecnologie e il know-how di Wärtsilä in tema di produzione ecosostenibile come parte del programma per i festeggiamenti del centenario della Finlandia. La società celebra così i cent’anni dell’indipendenza finlandese, facendo qualcosa di concreto per il proprio Paese, come sponsorizzare la città e il porto di Helsinki.
Il Seabin è un cestino della spazzatura che viene collocato in acqua nei porticcioli, sui moli, negli yacht club e nei porti commerciali per raccogliere i rifiuti galleggianti. L’acqua viene risucchiata dalla superficie e passa attraverso il filtro a rete che si trova all’interno del Seabin, per poi essere immessa nuovamente nel porto; i rifiuti restano intrappolati nella rete e possono così essere smaltiti appropriatamente.


Oltre ai rifiuti solidi, il Seabin è in grado di trattenere anche alcuni oli e inquinanti liquidi che galleggiano sull’acqua.
Al momento il team di Seabin Project fa utilizzo di pompe a immersione a 12 volt in grado di utilizzare fonti energetiche alternative e più pulite. A seconda della posizione geografica e delle tecnologie disponibili, può quindi essere utilizzata l’energia solare, a onde o eolica. Il progetto pilota Seabin sarà avviato ad aprile 2017 con la presentazione e l’installazione in diverse località del mondo dell’ultimo prototipo (V5 Hybrid). Una di queste località sarà proprio Helsinki, attualmente l’unica tra i paesi nordici. Prima di iniziare la commercializzazione del Seabin, i partner del progetto pilota raccoglieranno dati ed esperienze degli utenti durante un periodo di prova di tre mesi.

Il sostegno alla città di Helsinki
Nell’ottica di un ambiente marino più pulito, Wärtsilä ha siglato un altro accordo con la città e con il porto della capitale finlandese Helsinki in cui si impegna a donare due Seabin pre-serie da testare durante il periodo di prova. Altri quattro Seabin potranno essere installati dopo l’inizio delle vendite. La città e il porto di Helsinki si occuperanno della manutenzione giornaliera dei Seabin.

Iniziative ambientali ecosostenibili
Wärtsilä è membro della Sustainable Shipping Initiative e firmataria del Global Compact delle Nazioni Unite, e sta dando forma sia al mercato marino sia a quello energetico con soluzioni sostenibili e rinnovabili, tutte rivolte al miglioramento dell’impronta ambientale dei trasporti marittimi e della produzione di energia. Wärtsilä offre tecnologie all’avanguardia per ridurre le emissioni delle navi, fornendo sistemi di depurazione dei gas di scarico e motori ibridi a doppia alimentazione progettati principalmente per il carburante gas naturale liquefatto, un’alternativa più pura al diesel o al biodiesel. In più Wärtsilä progetta, fornisce e installa una tecnologia pulita per la gestione delle acque di zavorra, che riduce la quantità di inquinanti scaricati nell’oceano, con conseguenti effetti benefici su tutto l’ecosistema marino. Il controllo a distanza e la gestione delle flotte offerti da Wärtsilä contribuiscono a ottimizzare l’operatività delle imbarcazioni. L’ingresso nel settore dell’energia solare si è rivelato estremamente prezioso per ampliare il raggio di offerta di Wärtsilä, già considerevole. Espandendo il proprio portfolio con innovazioni sostenibili, Wärtsilä aiuta i suoi clienti a ridurre le emissioni di carbonio, diventando così la prima azienda a offrire centrali solari ibride pensate per clienti industriali. La soluzione ibrida combina infatti un parco solare PV con una centrale elettrica Wärtsilä Smart Power Generation ultraflessibile. Le due unità operano in sincronia per ridurre il consumo di carburante.
“Wärtsilä è fiera di unirsi al progetto pilota Seabin Global. Essendo tra i principali fornitori di soluzioni per l'industria marittima, è nostra responsabilità offrire prodotti efficienti che aiutino i nostri clienti a proteggere l’ambiente. È diventato ormai necessario intraprendere un’azione ambientale, e tutti noi possiamo contribuire, sia a livello d’impresa, sia individualmente,” ha dichiarato Jaakko Eskola, President & CEO di Wärtsilä Corporation.
“Siamo entusiasti che Wärtsilä abbia deciso di prendere parte a questo progetto, ed è motivo di grande orgoglio che l’azienda abbia deciso di fornire a una città intera i necessari Seabin. Ci aspetta prossimamente un’emozionante e dinamica collaborazione con Wärtsilä per sviluppare ulteriormente l’attuale tecnologia, in modo da riuscire a staccare i Seabin dal collegamento a terra e farli operare direttamente in acqua,” ha affermato Pete Ceglinski, Co-founder e Managing Director del Seabin Project.

Sull’inquinamento degli oceani
L’effetto delle materie plastiche sul nostro ecosistema è sconvolgente. Secondo una stima, entro il 2025 nei nostri oceani potremo trovare una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesce. Inoltre, si ritiene che entro il 2050 gli oceani avranno al loro interno più plastica che pesce in termini di peso (fonte: Ellen Macarthur Foundation, 2016). Negli ultimi dieci anni abbiamo prodotto più plastica di quanta ne sia stata prodotta in tutto il secolo scorso. Ogni anno, la plastica provoca oltre 13 miliardi di dollari di danni all'ecosistema marino. Gli animali ingeriscono i nostri rifiuti o ne rimangono intrappolati. Gli habitat marini locali soffrono, con un conseguente impoverimento della popolazione ittica e dei frutti di mare, che può risultare in un danno per le industrie dei trasporti e del turismo, mentre l’uomo assume inconsapevolmente inquinanti nocivi alla salute mangiando prodotti ittici contaminati.

 

Ambiente
Se il Paese non agirà entro due mesi, il caso potrebbe essere deferito alla Corte di Giustizia dell'Ue
immagine

 

Ultimo avvertimento dall'Ue all'Italia sull'inquinamento da polveri sottili. La Commissione europea invita il nostro Paese, con un "ultimo avviso", ad adottare misure contro l'inquinamento da Pm10 "per proteggere la salute pubblica". Il problema "persistente" del livello "elevato" di Pm10 in varie parti del Paese comporta dei "rischi importanti per la salute pubblica", sottolinea l'esecutivo comunitario. L'inquinamento da Pm10 in Italia è causato principalmente da emissioni da energia e riscaldamento, trasporti, industria e agricoltura. Oltre 66mila persone muoiono ogni anno a causa dell'inquinamento da particolato, sottolinea la Commissione, dato che fa del nostro Paese quello dell'Ue con il più alto tasso di mortalità legato alle polveri sottili, secondo dati dell'Eea (European Environment Agency).
 
L'avvertimento, spiega la Commissione, riguarda 30 zone per la qualità dell'aria, nelle quali i limiti giornalieri di Pm10 sono stati superati da quando sono entrati in vigore, nel 2005. L'Italia era già stata dichiarata in violazione delle leggi Ue in una precedente sentenza della Corte di Giustizia dell'Ue per gli anni 2006 e 2007. Per il limite giornaliero, le zone coinvolte sono in Lombardia, Veneto, Piemonte, Toscana, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Umbria, Campania, Marche, Molise, Puglia, Lazio e Sicilia. In più, l'avvertimento riguarda anche il superamento del limite annuale in nove zone: Venezia-Treviso, Vicenza, Milano, Brescia, due zone della Pianura lombarda, Torino e la Valle del Sacco, nel Lazio. Nel caso di superamento dei valori limite, gli Stati devono adottare e implementare dei piani per la qualità dell'aria, con misure volte a riportare l'inquinamento sotto le soglie nel più breve tempo possibile.
 
Le misure amministrative e legislative adottate dall'Italia finora "si sono rivelate insufficienti ad affrontare il problema". La decisione di oggi fa seguito ad una lettera aggiuntiva di messa in mora mandata all'Italia nel giugno 2016. Se il Paese non agirà entro due mesi, il caso potrebbe essere deferito alla Corte di Giustizia dell'Ue. "Non speculerei in questa fase su qualsivoglia tipo di multa - ha spiegato il portavoce della Commissione Enrico Brivio - siamo al parere motivato e speriamo che gli Stati membri rispettino i loro obblighi. Ci sono vari tipi di sanzioni, che vengono stabilite secondo certi parametri, ma siamo molto lontani da quel punto. Speriamo che gli Stati rispettino i loro obblighi". La Commissione europea ha attualmente in corso procedure di infrazione per i livelli di Pm10 nei confronti di 16 Stati membri, tra cui l'Italia. Due di questi casi, quelli riguardanti Bulgaria e Polonia, sono già stati portati davanti alla Corte di Giustizia dell'Ue. Il Pm10 (Particulate Matter o materia particolata) è materiale di varia origine (prodotto da attività umane o da fenomeni naturali come gli incendi boschivi) presente nell'aria, con diametro uguale o inferiore a 10 millesimi di millimetro, ritenuto nocivo per la salute umana.
Il dato
Il telefono cellulare è un dispositivo tecnologico che emette onde elettromagnetiche ad altissima frequenza
immagine

 

"Per la prima volta al mondo una sentenza di primo grado ha riconosciuto un nesso causale tra l'uso prolungato del cellulare e il tumore al cervello". Così gli avvocati torinesi Renato Ambrosio e Stefano Bertone hanno illustrato la sentenza emessa lo scorso 30 marzo dal giudice tribunale di Ivrea Luca Fadda. Protagonista della vicenda un dipendente 57enne di una grande azienda a italiana che per 15 anni ha utilizzato per lavoro il telefonino senza precauzioni per più di tre ore al giorno al quale è stato diagnosticato nel 2010 un tumore benigno ma invalidante. Il Tribunale ha condannato l'Inail a corrispondere al lavoratore una rendita vitalizia da malattia professionale.
 
Le motivazioni della sentenza di primo grado saranno rese note nei prossimi 50 giorni. "E' una sentenza straordinariamente importante - commenta l'avvocato Bertone - perché il fatto che si riconosca la causa oncogena insita nei campi elettromagnetici generati dai cellulari è il segno del continuo avanzamento delle conoscenze scientifiche. Il telefono cellulare è un dispositivo tecnologico che emette onde elettromagnetiche ad altissima frequenza e ogni giorno più di 40 milioni di italiani lo utilizzano. Per questo è importante che tutti siano al corrente dei rischi che corrono loro stessi e coloro che hanno intorno. E', dunque, importante riflettere sul problema e adottare le giuste contromisure".
 
La dipendenza dallo smartphone, la cosiddetta 'Sindrome da Hand-Phone' capace di ipnotizzare le persone davanti ad uno schermo, riguarda circa 7 italiani su 10. E' quanto è emerso da uno studio realizzato lo scorso settembre che ha coinvolto 4.500 persone tra i 18 e i 65 anni attraverso un monitoraggio online (Web Opinion Analysis) sui principali social network, blog e community interattive. Secondo la ricerca il 72% degli italiani ha lo smartphone sempre in mano e lo utilizza soprattutto sui mezzi pubblici (78%), nel luogo di lavoro (69%) e persino in vacanza (41%). Due italiani su 10 (19%) lo adoperano per circa 6 ore al giorno, percentuale che sale al 42% tra più giovani, mentre il 21% si attesta sulle 4 ore.
 
Il 41% si limita a 2 ore, mentre il 19% riesce a fare a meno del cellulare e lo utilizza meno di un’ora al giorno. I 'mobile-dipendenti' sono più donne (58%) che uomini (43%), hanno principalmente 18-24 d'età (67%), 35-54 (56%) e 13-17 (31%). Per avere di nuovo le mani libere, secondo 9 esperti su 10 (87%) il primo passo da fare è imparare a spegnere lo smartphone ed essere in grado di capire quando è il caso di 'staccare'. Si può approfittare del tempo libero per fare diverse attività come leggere un libro (75%), fare una passeggiata in bici o sport in genere (63%) coltivare la passione per il pollice verde (61%), concedere un massaggio al proprio partner (57%), sperimentare in cucina (53%) gustare un gelato in compagnia (52%).
Solidarietà
Il Presidente Fabiola Tomasi: "Le difficoltà del mondo della disabilità possono essere affrontate contando sulla forza della solidarietà sociale"
immagine

 

di Marco Staffiero

 
Non ci sono solo notizie brutte da leggere. Esistono per fortuna anche delle belle storie da poter raccontare. Dove il volontariato, l’amore per gli altri (in una società spinta dalla violenza e dall’odio) rappresentano un modello di vita da poter trasmettere. Tra queste c’è L’uccellino Azzurro Onlus. Da marzo 2013 l’associazione ha offerto ad oltre 50 bambini con disabilità neurologica cure e percorsi riabilitativi efficaci. Il Presidente Fabiola Tomasi, mamma di Samuele, un bambino di 7 anni, sta provando a vivere un sogno: “Poter aiutare mio figlio insieme a tante altre famiglie. Sognare un futuro in cui le difficoltà del mondo della disabilità possono essere affrontate contando sulla forza della solidarietà sociale, che non lascia il bambino della porta accanto chiuso nella sua casa a combattere da solo, con la sua famiglia una battaglia così dura, ma che accoglie, condivide, razionalizza e sostiene tutti gli sforzi necessari a compiere quel cammino verso la maggior autonomia possibile, per ogni bambino diversa e per ciascuno un diritto innegabile”.
 
La mission di Uccellino Azzurro Onlus, presso la struttura di Casciana Terme in Toscana, dove viene ospitata,  è quella di offrire e proporre ai bambini con disabilità percorsi riabilitativi efficaci, costanti nel tempo e integrati in quel tessuto sociale sensibile e pronto a tendere una mano. Punto di riferimento per le cure a partire dall’acqua, necessari per integrare ogni fase del percorso riabilitativo, professionali osteopati, logopedisti, psicologi e molte altre figure ancora. Secondo uno degli ultimi rapporti dell’Unicef, circa 93 milioni di bambini (1 su 20 tra quelli al di sotto dei 14 anni) convivono con una disabilità moderata o grave. Nei Paesi in via di sviluppo i bambini con disabilità sono gli ultimi tra gli ultimi, i più trascurati e vulnerabili. Si stima che circa 165 milioni di bambini sotto i cinque anni abbiano un ritardo nella crescita o siano cronicamente malnutriti, vale a dire circa il 28% dei bambini sotto i cinque anni nei Paesi a basso e medio reddito. Il Rapporto dell'Unicef  mette in luce come i bambini con disabilità abbiano minori possibilità di ricevere cure mediche o di andare a scuola.
 
Sono tra i più vulnerabili alla violenza, agli abusi, allo sfruttamento e all’abbandono, in particolar modo se sono nascosti o istituzionalizzati – come succede a molti a causa dello stigma sociale o dei costi per crescerli.
Dalle analisi emerge che i bambini con disabilità sono tra le persone più emarginate al mondo. Se i bambini che vivono in condizioni di povertà hanno minori probabilità di frequentare la scuola o accedere ai centri sanitari quelli con disabilità ne hanno ancora meno. Esistono pochi dati affidabili sul numero di bambini con disabilità, su quali siano le disabilità più diffuse e su come le disabilità abbiano avuto impatto sulle loro vite. Dai risultati è emerso che sono pochi i Governi che hanno piani per allocare risorse al supporto e all’assistenza dei bambini con disabilità e alle loro famiglie. Circa un terzo degli Stati del mondo non hanno ancora ratificato la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.
 
Dona il tuo 5 x mille a Uccellino Azzurro Onlus Codice Fiscale 91021490536
Oppure una donazione a Uccellino Azzurro Onlus Iban IT 96k0103072270000000467145
L'approfondimento
Entro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, - Fenomeno sociale inarrestabile legato all’aumento di malattie croniche come diabete e obesità
immagine




di Gianfranco Nitti


Diecimila anni avanti Cristo. la Terra ospitava circa un milione di individui che diventano, ai tempi dell'Impero Romano, tra il 300 ed il 400 d.C., più o meno 150 milioni. Tra guerre, catastrofi naturali e pestilenze, si deve arrivare alle soglie del secondo millennio per raddoppiare la popolazione mondiale. Dicono gli studiosi che, intorno all’anno Mille, eravamo circa 310 milioni sul pianeta. Durante la rivoluzione industriale, a partire dal XVIII secolo, i progressi della medicina e l'aumento della qualità della vita nei paesi sviluppati portano alla cosiddetta rivoluzione demografica; il tasso di mortalità scende vertiginosamente e cresce il tasso di natalità, portando al raddoppio della popolazione mondiale in solo due secoli: dagli 800 milioni del 1750 al miliardo e 650 milioni del 1900. Poi, in solo 75 anni, la popolazione mondiale triplica, raggiungendo i 4 miliardi di individui nel 1975 e anche l’apice del tasso di crescita che da allora rallenta. Ma non così tanto, visto che gli attuali 7,3 miliardi di cittadini del mondo saranno 8,5 miliardi entro il 2030, 9,7 miliardi nel 2050 e 11,2 miliardi nel 2100, come stima la revisione 2015 del rapporto World Population Prospects delle Nazioni Unite.


Fenomeno parallelo alla tumultuosa crescita demografica degli ultimi decenni è il sempre più spinto inurbamento, ossia la fuga dalle campagne verso le città, e la conseguente urbanizzazione dei territori, che ha portato i ricercatori delle Università di Yale, dell'Arizona State, della Texas A&M e di Stanford, a calcolare che entro il 2030 le aree urbane si espanderanno di circa 1,5 milioni di chilometri quadrati, pari all'incirca alla superficie della Mongolia, o se si preferisce di Francia, Germania e Spagna messe assieme, per accogliere 1,47 miliardi di persone neo-inurbate.

“Sempre di più, grandi masse di persone si concentrano nelle città, attratte dal miraggio del benessere, dell’occupazione e di una qualità di vita differente”, spiegaAndrea Lenzi, Presidente del Comitato di Biosicurezza, Biotecnologie e Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Presidente dell’Health City Institute. “Dobbiamo prendere atto che si tratta di un fenomeno sociale inarrestabile e di una tendenza irreversibile, che va gestito e anche studiato sotto numerosi punti di vista quali l’assetto urbanistico, i trasporti, il contesto occupazionale, ma soprattutto la salute pubblica, perché alla questione inurbamento è indissolubilmente legato, purtroppo, l’aumento delle malattie croniche non trasmissibili come diabete e obesità, proprio per via del cambiamento degli stili di vita alimentari e di movimento”, aggiunge.
Non solo. Se oggi vivono nel mondo 415 milioni di persone con diabete - due terzi delle quali risiedono nelle città - e l’International Diabetes Federation (IDF) stima un aumento del 50%, sino a 642 milioni tra 25 anni, e se negli ultimi 40 anni l’obesità è cresciuta del 600 per cento, dai 105 milioni di obesi nel 1975 ai 640 milioni di oggi, non va dimenticato il progressivo invecchiamento della popolazione. Le stime indicano, infatti, come la percentuale di persone sopra i 65 anni potrebbe raddoppiare da qui al 2050, dall’8 al 16 per cento della popolazione mondiale. “Sono semplici dati che sottolineano come uno dei fattori che gli amministratori di una città, oggi, devono affrontare sia il tema dei determinati della salute”, dice ancora Lenzi.


All’argomento, di estrema attualità, è dedicato il nuovo numero della rivista Health Policy in Non Communicable Diseases, edita da Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation, presentato a Roma presso l’ASEI, Associazione della Stampa estera in Italia,, dal titolo “Healthy Cities - I determinanti della salute in città”. Ospita analisi di studiosi e ricercatori come Arpana Verma, Direttore della Division of Population Health, Health Services Research and Primary Care della University of Manchester, Ketty Vaccaro, Responsabile area salute e welfare del CENSIS, Roberta Crialesi, Direttore Sevizio Sanità e Assistenza presso la Direzione Centrale delle statistiche sulle Istituzione Sociali dell’ISTAT, Alessandro Solipaca, Direttore scientifico Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane.


Nel settembre 2015, 193 stati membri delle Nazioni Unite, riuniti a New York per discutere gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Sustainable Development Goals (SDG) - hanno identificato, come SDG 11, un obiettivo dedicato a rendere la città inclusiva, sicura, sostenibile e capace di affrontare il cambiamento. Strumenti chiave per raggiungere questo obiettivo come lo sviluppo abitativo, la qualità dell’aria, la buona alimentazione e il trasporto sono individuati chiaramente e diventano importanti determinanti della salute delle persone nelle città. Tutto ciò si inserisce nel più generale tema del miglioramento della salute come priorità globale. “La prevalenza e alta densità della popolazione nelle metropoli, la complessità dei fattori di rischio che influenzano la salute, l’impatto delle disuguaglianze sulla salute, l’impatto sociale ed economico sono temi da affrontare e discutere, per agire concretamente sui determinanti della salute. Le città oggi non sono solo motori economici per i Paesi, ma sono centri di innovazione e sono chiamate anche a gestire e rispondere alle drammatiche transizioni demografiche ed epidemiologiche in atto”, rimarca Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto superiore di sanità e Editor in chief di Health Policy in Non Communicable Diseases.


A questa sollecitazione risponde anche il programma Cities Changing Diabetes, l’iniziativa realizzata in partnership tra University College London (UCL) e il danese Steno Diabetes Center, con il contributo dell’azienda farmaceutica Novo Nordisk. Coinvolge istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di studiare il legame fra il diabete e le città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia. Al programma hanno già aderito Città del Messico, Copenaghen, Houston, Shanghai, Tianjin, Vancouver, Johannesburg e Roma è la metropoli scelta per il 2017. In queste città i ricercatori svolgono ricerche per individuare le aree di vulnerabilità, i bisogni insoddisfatti delle persone con diabete e identificare le politiche di prevenzione più adatte e come migliorare la rete di assistenza. Il tutto nella piena collaborazione tra le diverse parti coinvolte. “Non è possibile agire sui determinanti della salute e del benessere senza la compartecipazione dei diversi interlocutori che possono avere un’influenza sulla nascita e lo sviluppo delle città. Solo con un approccio multisettoriale ciascuna delle parti interessate, pur con diversi obiettivi, unendosi può fungere da catalizzatore per il miglioramento, poiché la condivisione delle idee può moltiplicare gli effetti positivi sulla salute e creare la conoscenza collettiva”, sostiene Arpana Verma nel suo editoriale sulla rivista. “La salute non è solo assenza di malattia – conclude. Il benessere e la qualità di vita devono essere considerati diritti umani basilari”.

 

I dati
Colpito il 5,4% della popolazione (3,8% nel 2000)
immagine

 

Oltre un milione di malati in più in quindici anni. Ecco la lunga marcia di crescita del diabete in Italia. Emerge dalla decima edizione dell'Italian Diabetes & Obesity Barometer Report, presentato oggi a Roma. Il diabete secondo il rapporto, che riporta dati relativi al 2015, colpisce 3,27 milioni di persone, una su 18, a cui va aggiunto circa 1 milione di persone che non sanno di avere la malattia.

A livello percentuale la media nazionale delle persone colpite si attesta intorno al 5,4% mentre erano il 3,8 nel 2000 e negli ultimi quindici anni si contano 1.118.000 persone con diabete in più a causa dell'invecchiamento della popolazione e di una maggiore diffusione della malattia. Nello stesso periodo, invece, la mortalità è in lieve flessione. Il diabete e le patologie correlate hanno causato quasi 75 mila morti nel 2013 e la diffusione del diabete aumenta al crescere dell'età: oltre i 75 anni sono 1,3 milioni nel 2015 contro 634.000 del 2000. 

Bellezze d'Italia
Gli escursionisti più esperti e coraggiosi possono percorrere il fiume fino a raggiungere la sua foce sul mare
immagine

 

di Vincenzo Giardino


In Sicilia le bellezze naturali sono numerose e diffuse, al punto che spesso alcune di esse sono poco conosciute agli stessi abitanti dell'Isola. E' il caso delle Gole di Tiberio, una delle meraviglie del Parco delle Madonie che, pur essendo state riconosciute dall'UNESCO nel 2001 come uno dei siti European Geoparks Network, non hanno ancora ottenuto l'interesse turistico che meriterebbero.Il canyon naturale si trova a circa 80 mt sul livello del mare, lungo il fiume Pollina in prossimità del comune di San Mauro Castelverde in provincia di Palermo, al confine con i comuni di Pollina e Castelbuono. In questi ultimi anni la località comincia
ad avere qualche lancio pubblicitario e menzione sulle guide turistiche. Secondo una versione storica, le gole prendono il nome di “Tiberio” per l'ipotesi dell'esistenza di una villa di età di Roma Imperiale.


Per gli abitanti della zona sono conosciute con l'appellativo dialettale de “'u miricu” (ombelico), esse si estendono in un percorso di circa 450 mt e le sue pareti raggiungono i 50 mt di altezza in alcuni punti, mentre le sue acque hanno una profondità massima di 8 mt.Anche qui la fantasia popolare nel corso dei secoli si è sbizzarrita in tantissime leggende, come quella che voleva la presenza di un mostro che faceva da guardiano, imprigionato da spiriti malvagi, oppure l'esistenza di un leggendario tesoro nascosto dai briganti , i quali utilizzavano un passaggio segreto a metà percorso in prossimità di un grande masso.Percorrendo il fiume si possono ammirare le rocce calcaree sovrastanti, levigate dall'erosione dell'acqua e nelle numerose fessure sulle pareti si vedono i nidi di uccelli a pelo d'acqua.


Negli ultimi anni, per iniziativa di alcuni privati, è possibile percorrere il fiume che scorre tra le gole con dei gommoni assistiti da giovani guide esperte. Nonostante che l'organizzazione del sito sia ancora in fase di perfezionamento, gli operatori che lo gestiscono in concessione si adoperano al massimo per rendere agevole le visite dei turisti che non sono ancora numerosi. Trascorrere una giornata in questo posto è fare veramente un tuffo nella natura, ricco di emozioni e divertimento anche per i bambini.Tra le dotazioni indispensabili, per godere al massimo l'emezionante visita alle Gole di Tiberio, scarpe da trekking e costume da bagno, le prime per camminare agevolmente sui sassi e il secondo per tuffarsi dove la profondità dell'acqua lo consente.


Gli escursionisti più esperti e coraggiosi possono percorrere il fiume fino a raggiungere la sua foce sul mare.Chiunque abbia vissuto l'emozione di queste escursioni non può fare a meno di invitare a visitare questo posto ancora sconosciuto anche a gran parte dei siciliani, i quali troppo spesso apprezzano le meraviglie sparse nel mondo, ma poco quelle che da secoli appartengono al proprio territorio.

Salute & Sanità
Si ipotizza un danno all’erario da 2,7 milioni di euro nell’ambito della fornitura al Ministero della Salute del vaccino anti aviaria.
immagine

Redazione

Archiviata la posizione dell'Ad della divisione vaccini della casa farmaceutica Novartis, Francesco Gulli. Gulli venne indagato dalla Procura di Siena per alcuni fatti del 2009. Il caso si è quindi definitivamente chiuso con l'archiviazione della posizione di Francesco Gulli che è risultato estraneo ai fatti.


 

Salute e giustizia
Appena due giorni fa, dopo il terzo rinvio dell'approdo del ddl sul Biotestamento in Aula alla Camera, DJ Fabo aveva lanciato un appello al Presidente Mattarella
immagine

 

E' arrivato in Svizzera il dj Fabo, che ha chiesto di poter morire al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "Fabo - ha riferito Filomena Gallo dell'Associazione 'Luca Coscioni' - si sta sottoponendo alle visite mediche previste dai protocolli. Tuttavia potrebbe ancora cambiare idea". In una clinica Oltralpe, di cui l'Associazione 'Coscioni' non ha voluto dare il nome, Fabo sta incontrando i medici e gli psicologi che stanno valutando se la richiesta di eutanasia sia accettabile. "Ci vorranno alcuni giorni per capire cosa succederà" ha concluso Filomena Gallo.

Con un post sul suo profilo Facebook, Marco Cappato, dell'Associazione Luca Coscioni, ha annunciato questa mattina di aver accettato di andare in Svizzera con DJ Fabo. "Fabo mi ha chiesto di accompagnarlo in Svizzera. Ho detto di sì. #FaboLibero - in Svizzera" è scritto nel post. Appena due giorni fa, dopo il terzo rinvio dell'approdo del ddl sul Biotestamento in Aula alla Camera, DJ Fabo aveva lanciato un appello al Presidente Mattarella chiedendo il suo intervento per "sbloccare lo stato di impasse voluto dai parlamentari".

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINA STAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact