Tag Titolo Abstract Articolo
Il commento
Così il Procuratore Capo di Catanzaro durante la trasmissione Agorà
immagine
 
 
di Roberto Ragone 
 
 
La frase del Procuratore Capo di Catanzaro, dottor Nicola Gratteri, intervistato martedì mattina 16 maggio da Gerardo Greco, durante la trasmissione Agorà, in onda su Rai 3, a proposito del caso di malaffare del centro per migranti di Isola Capo Rizzuto, è definitiva, e rivelatrice di una situazione che tutti ipotizzano, nel pubblico dell’uomo della strada, ma che raramente era stata espressa con tale chiarezza e concisione. La frase completa è: “Le mafie votano e fanno votare, partecipano attivamente alla vita politica e non stanno mai all’opposizione.” Gratteri è un magistrato che più volte ha dimostrato la sua obiettività; forse un personaggio ‘scomodo’ per alcuni. Il suo ‘mettere in chiaro’ ciò che altri mandano per segnali, in maniera criptica, dovrebbe far pensare tutti i cittadini per bene. Per proprietà transitiva, questa frase evidenzia  che, se non stanno mai all’opposizione, le mafie appoggiano il potere.
 
Lo scopo di una organizzazione malavitosa è evidentemente quello di assumere più potere possibile, da sfruttare per guadagni illeciti, al di là di ogni partito o ideologia, rendendo molto chiaro chi comanda, in Italia come nel resto del mondo. Falcone e Borsellino, e prima ancora Dalla Chiesa, sono stati uccisi quando hanno toccato i soldi dei mafiosi. I ‘poteri forti’, di cui si favoleggia ogni volta che accade qualcosa di incomprensibile, sono evidentemente quelli che hanno in mano le leve di comando, e in questo caso potremmo parlare di ‘appoggi forti’. È cercando i poteri forti che si trovano gli agganci con chi conquista il potere in qualsiasi modo, lecito o, il più delle volte, illecito. Club Bilderberg, Trilateral, New World Order (o Nuovo Ordine Mondiale) fanno capo a persone potentissime, che controllano le banche d’affari e muovono grossi capitali, come è stato nel caso delle dimissioni di Berlusconi. Il fatto che se ne sia scritto, e che nessuno l’abbia contestato, è una dimostrazione della realtà di una certa situazione. Se quello che dice il dottor Gratteri corrisponde a verità, anche i nostri governi potrebbero aver goduto di tali ‘appoggi’: ricordiamo che l’ultima sentenza di Cassazione del processo Andreotti stabilì la sua mafiosità, non più perseguibile per prescrizione del reato. Intanto Renzi è allo sbando.
 
È di oggi, 16 maggio, la pubblicazione sul Fatto Quotidiano di un’intercettazione a suo carico in una telefonata con il padre, riportata nel libro di Marco Lillo, nella quale esorta Tiziano a ‘Dire la verità’. Una frase che dimostrerebbe l’innocenza del padre di Matteo. Detta ad arte? Chissà. Sapeva d’essere intercettato? È  plausibile pensare che ne fosse al corrente, come presidente del Consiglio.
 
Ultimamente, in suo comunicato, riferisce di una “Impressionante crescita del PD”. Peccato che, sempre sul ‘Fatto’, leggiamo che nelle sue primarie, nonostante il voto dei richiedenti asilo e quelli procurati dal suo favorito De Luca, Matteo ha perso oltre un milione di voti. Patetico poi il tentativo di screditare la Raggi mobilitando i giovani del PD in maglietta gialla: li abbiamo visti rastrellare prati e giardini pubblici, senza minimamente avvicinarsi ad alcuno di quei cassoni stracolmi e popolati da topi e gabbiani che sono stati mostrati in televisione, e dei quali s’è persa ogni traccia. Insomma, se le cose stanno così, questo spiegherebbe perché la politica è arrivata ad essere lacchè dei potenti, e perché in politica troviamo tanti personaggi che non inviteremmo a cena a casa nostra. In realtà il panorama che ci da’ oggi la politica, con l’elezione di Macron, creatura di J P Morgan a presidente della Repubblica francese, è quello di succubanza a lobby e gruppi di potere, non solo in campo commerciale.
 
Il tentativo di introdurre la TTIP attraverso una votazione in parlamento europeo la dice lunga. Come la raccontano anche il TAP, definito ‘opera strategica’, che distruggerà l’economia di una regione come la Puglia, produttrice del 40% dell’olio extravergine d’oliva della nazione. Come la dice lunga la TAV, osteggiata giustamente dagli abitanti dei luoghi che essa attraversa. E potremmo continuare con il Ponte sullo Stretto, con la trivellazione petrolifera entro le dodici miglia, prima negata e poi riammessa in sordina; come il boicottaggio del referendum che avrebbe preteso dai petrolieri il rispetto degli accordi presi in conseguenza delle concessione per le trivellazioni in Adriatico, mentre ora le torri petrolifere rimarranno a futura memoria. Come l’inquinamento della Basilicata ad opera di trivellazioni, ora finalmente ammessa da chi l’ha provocata. Come potremmo dire anche delle varie ‘decisioni’ del Parlamento Europeo, espressione di una classe impiegatizia al soldo di chi comanda davvero. Potremmo metterci anche i vaccini, e la lobby del farmaco? Secondo alcuni sì, visto che, analizzati, i vaccini non sono nocivi in sé, ma per la poca cura con cui vengono preparati, risultando inquinati da metalli pesanti e altre piacevolezze, che sarebbero poi quelle che provocano danni ai bambini. Oggi l'industria alimentare è quella che fattura cifre molto importanti nel mondo e ricordiamo le varie proibizioni dell'UE che hanno cercato, nel tempo, di proibire i nostri prodotti tipici.
 
Un articolo di Dario Guidi, sul mensile della COOP 'Nuovo Consumo' di Aprile 2017, evidentemente inressata al settore alimentare, parla di "Alta concentrazione" di multinazionali dell'industria alimentare, marchi noti e meno noti, che valgono centinaia di miliardi di dollari, senza badare alla salute dei consumatori, ma solo agli interessi degli azionisti. Altri importanti fatturati, di cui nessuno parla, sono quelli dell'industria bellica, controllati, per forza di cose, a livello politico. possiamo star certi che la mosca va dove c'è il miele, e dove c'e denaro, si accalcano interessi non sempre limpidi. Come nel caso dei 'migranti'.
Cronaca
Ventuno arresti per mafia in manette anche un politico
immagine


Redazione


BARI - È stata condotta, nella notte, una vasta operazione antimafia dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Bari. Documentato, tra l’altro, il limitato condizionamento delle elezioni regionali del maggio del 2015. Tra le persone coinvolte vi è anche un politico, factotum di un candidato. Oltre 300 i militari impegnati. Decine gli arresti e le perquisizioni domiciliari alla ricerca di armi e droga. Unità cinofile, metal detector, sofisticate strumentazioni e persino un Elicottero sono stati utilizzati dai Carabinieri per chiudere definitivamente il cerchio sull’agguerrito clan ”Di Cosola”. Capi ed affiliati sono stati neutralizzati da una complessa indagine che, coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, ha chiuso il cerchio attorno ad uno dei più storici e radicati gruppi criminali della città. Le accuse sono di “associazione di tipo mafioso”, “scambio elettorale politico-mafioso” e “coercizione elettorale in concorso”.
Le indagini, condotte attraverso sofisticate intercettazioni ambientali e telefoniche, hanno consentito di documentare come il clan” Di Cosola”, dopo aver vissuto un difficile periodo dovuto a varie collaborazioni con la Giustizia e diversi provvedimenti cautelari che ne hanno minato la potenza militare, si stesse riorganizzando, stipulando alcune “comparanze” con tutti gli altri clan della zona, aventi come minimo comune denominatore l’ostilità verso il clan Strisciuglio.
Grazie a questa strategia il clan Di Cosola stava continuando ad imperversare in alcuni quartieri cittadini ed in molti Comuni della Provincia, tanto da essere riuscito parzialmente a condizionare le elezioni regionali del maggio del 2015, sostenendo la campagna elettorale, nella sua area d’influenza, di un candidato iscritto nella lista Popolari.
Tra gli arrestati vi è infatti anche un politico, factotum del candidato, che, dopo aver partecipato a diverse riunioni con gli appartenenti al sodalizio, aveva concordato la corresponsione di 50 euro a voto. 

L'analisi politica
"È ormai nota a tutti la profonda frattura tra il popolo ed i suoi rappresentanti"
immagine

di Alessandro Verrelli

Se da una parte le amministrative del 5 giugno hanno visto il Movimento 5 Stelle protagonista, dall’altra il dato dell’astensionismo dovrebbe allarmare tutte le forze politiche. Anche durante questa tornata elettorale, circa il 50% degli italiani chiamati al voto non si è recato alle urne perché convinto di non poter essere rappresentato da nessuno schieramento in campo. Le persone sono sempre più rassegnate al fatto che il loro voto non valga nulla, che chiunque venga eletto alla guida della Res Publica sia espressione di un sistema corrotto che pensa soltanto al proprio arricchimento e mai al bene del cittadino.

È ormai nota a tutti la profonda frattura tra il popolo ed i suoi rappresentanti, sempre meno capaci di farsi portatori delle istanze dei cittadini, sempre meno capaci di trasmettere fiducia e sicurezza nell’elettorato. Oggi non basta più interrogarsi, o almeno, non lo può più fare quella classe dirigente che ha spinto le persone ad allontanarsi in modo così drastico dalle istituzioni rappresentative. Per tornare ad essere attrattiva, la politica, ha bisogno di una profonda rigenerazione nelle idee e nei contenuti, che debbono essere rappresentati da persone nuove, competenti ed indiscutibilmente oneste capaci di tornare a parlare all’elettorato deluso.
C’è un grande vuoto che si è formato in questi anni ed oggi, più che mai, non si può continuare a far finta che non esista un serio problema di credibilità dei politici nei confronti dell’elettore. È proprio questo il punto centrale, la politica dovrebbe esser fatta da chi può aggiungere valore alle istituzioni e non d chi le sfrutta per scopi personali o personalistici. I cittadini sono stanchi di mestieranti che creano soltanto sfiducia nel popolo sovrano con il conseguente distaccamento anche dal diritto-dovere del voto.


 

I dati
Ecco il quadro completo delle intenzioni di voto
immagine

Redazione

Sinistra Italiana fa il suo esordio nei sondaggi. E, in quello dell'Istituto Piepoli per l'ANSA, fa registrare un aumento secco di due punti rispetto al risultato ottenuto in precedenza da Sel. Questo, mentre le altre forze a sinistra fanno registrare lievi flessioni (nell'ordine del mezzo punto percentuale) che riguardano sia il Pd che i cosiddetti "altri" di centrosinistra. A crescere è intanto solo la Lega Nord, che dopo l'appuntamento di Bologna fa registrare un più uno percento. Tiene la sua posizione il M5s, mentre tutti gli altri perdono mezzo punto percentuale.

Questo il quadro completo delle intenzioni di voto (tra parentesi lo scostamento percentuale rispetto alla settimana precedente)*:

- Pd 32,0% (-0,5)

- Si 5,5% (+2,0)

- Altri centrosinistra 1,0% (-0,5)

- Lega Nord 14,0% (+1,0).

- Fi 9,0% (-0,5)

- Fdi 4,0% (-0,5)

- Ncd-Udc 2,0% (-0,5)

- Altri centrodestra 1,0% ( = )

- M5s 27,5% ( = )

- Altri partiti 4,0% (-0,5)

Politica
Il partito di Pablo Iglesias scende nei sondaggi
immagine

di Silvio Rossi

 

Sembra terminare ancora prima di partire l’avventura del partito nato dal movimento degli Indignados. Se qualche mese fa l’ascesa del movimento sembrava inarrestabile, con la crisi dei partiti tradizionali e il legame all’altro nascente della sinistra europea, il partito greco di Syriza, le difficoltà incontrate dal premier greco, con le dimissioni e il conseguente rimpasto di governo, hanno gettato un’ombra di insicurezza anche sulle politiche di Pablo Iglesias.
In un recente sondaggio, commissionato da El Pais, Podemos si attesta al 15,7%, quasi doppiato dal Partito Popolare di Rajoy, che raggiunge il 28% delle preferenze. Un mese fa, un sondaggio di Metroscopia assegnava al partito di sinistra il 18%, un risultato comunque ritenuto negativo dai sostenitori di Podemos, che erano abituati ormai da diversi mesi a viaggiare ben oltre il 20%.


La grande ascesa del partito indignato è iniziata nell’aprile dello scorso anno.
Il partito, nato da pochi mesi, aveva iniziato a scalare le preferenze degli spagnoli, raggiungendo l’8% alle elezioni europee, con oltre 1,2 milioni di voti. Ma il successo maggiore arriva alla fine dell’estate, quando Podemos supera tutti gli altri partiti, raggiungendo l’apice della popolarità nel novembre 2014, quando un sondaggio del giornale El Pais, diventa potenzialmente il primo partito, con un 27,7% di consenso, superando il PP, che si fermava al 26%.


Nei primi mesi del 2015, grazie all’influenza di Tsipras, che vince le elezioni greche, e con la speranza di una federazione delle sinistre europee, che possano mettere in crisi l’attuale sistema politico continentale, l’ascesa di Podemos sembrava inarrestabile. Ma stiamo parlando di un’epoca molto lontana rispetto a oggi. Le difficoltà del principale alleato non potevano lasciare indenne Iglesias, e infatti la bolla che stava facendo lievitare il consenso dei contestatori spagnoli, si è sgonfiata, mostrando tutte le difficoltà nel presentare un programma politico convincente.

Politica
Il segretario generale Cei:"La politica e' ben altro, ma per comprenderlo e' inutile prodursi in interminabili analisi sociologiche"
immagine

Redazione

Una lavata di capo alla politica. "La politica non e' forse quella che siamo stati abituati a vedere oggi, vale a dire un puzzle di ambizioni personali all'interno di un piccolo harem di cooptati e di furbi. La politica e' ben altro, ma per comprenderlo e' inutile prodursi in interminabili analisi sociologiche o in lamentazioni, quando e' possibile guardare a esempi come quello degasperiano". Lo scrive il segretario generale della Cei, Monsignor Nunzio Galantino nella sua Lectio degasperiana.Galantino ha consegnato il testo non partecipando all'incontro previsto a Pieve Tesino (Trento). "I veri politici - continua il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, prendendo ad esempio la politica di De Gasperi - segnano la storia ed e' con la storia che vanno giudicati, perche' solo da quella prospettiva che non e' mai comoda, si possono percepire grandezze e miserie dell'umanita'".

Amministrazione & Cittadini
Il taglio ai costi della politica si trova in un dossier sul tavolo dell’assessore regionale all’Economia, Baccei.
immagine

di Angelo Barraco

Marsala - Quali saranno i cambiamenti a Marsala per Sindaco, Assessori e Consiglieri?
Il taglio ai costi della politica si trova in un dossier sul tavolo dell’assessore regionale all’Economia, Baccei. Il piano Baccei prevede tagli a stipendi, gettoni di presenza e numero di rappresentanti in consiglio comunale. Il taglio dei consiglieri comunali è previsto solo dalle prossime elezioni mentre la riduzione dei compensi per Sindaco, Assessori e consiglieri comunali scatterà subito e i testi delle norme saranno iscritte nella Finanziaria di aprile «Indennità di funzione e gettoni di presenza – si legge nella bozza di Finanziaria – è ridotta del 20%». Il Sindaco di una città che conta tra i 40 mila e 100 mila abitanti come Marsala, perderebbe fra gli 800 e i 900 euro al mese. Andrà bene a chi siederà sugli alti scanni di Marsala?  Tagli anche ai consiglieri comunali! Se a Marsala dovesse essere approvata la riforma, i consiglieri comunali passerebbero dai 30 (attuali) a i 24. Un taglio netto che renderebbe più agguerrita la corsa per entrare a Palazzo VII Aprile. Con tale riforma vi sarebbero tagli anche ai gettoni di presenza, che sono i veri stipendi dei consiglieri comunali. A Marsala, un gettone di presenza per ogni seduta d’aula o commissione è di 99 euro! Un consigliere, con il solo accumulo dei gettoni di presenza guadagna 1.500 euro. Il taglio delle spese, la riduzione degli stipendi sono una forma di controllo che non fa male, poiché Marsala, durante l’amministrazione Adamo ne ha viste tante di spese folli e ciò è stato determinato da un mancato controllo. Marsala ha bisogno di un controllo che porti la città sulla retta via, ha bisogno di un sindaco che faccia il sindaco e non sprechi i soldi pubblici per fini privati.

Sovranità e Unione Euopea
L'analisi dell'Avvocato Marco Mori
immagine

di Cinzia Marchegiani

A scattare una fotografia della nostra nazione interviene l’Avv. Marco Mori, non un semplice professionista dei fori italiani, a maggio 2014 ha provveduto a depositare a nome dell’associazione “Salviamo gli Italiani”, sette denunce penali relative al colpo di Stato finanziario in essere, e come dice lo stesso Mori, da allora la situazione è già profondamente mutata, purtroppo in peggio. Un’analisi cruda e irreale sembra avvolge il nostro paese dove sul banco degli imputati per primo l’avv Mori mette l’assenza di vero dibattito politico:”Pare davvero sconfortante giungere a tale conclusione Basta solo pensare che, il semplice fatto che un paese torni al voto, diventa un motivo per un catastrofico crollo della borsa, come successo ieri in Grecia. Tutto ciò è completamente inaccettabile. Se i mercati manipolano la democrazia, significa semplicemente che essa non esiste più. Non è la forza economica che deve determinare le scelte politiche in un paese, ma tali scelte devono essere frutto della volontà popolare, che si forma sulla base della maggioranza, secondo l’esercizio del diritto di voto (diritto che in Italia non si esercita legittimamente dal 2005, come sancito dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 1/2014). La maggioranza deve avere anche il sacro diritto di sbagliare, non si può commissariare la democrazia.”
E lo specchio di questa società viene metodicamente studiato da chi in quelle maglie delle leggi fa i conti tutti i giorni e ne conosce il valore e le potenziali trappole che purtroppo a prima, ma anche a seconda attenta lettura non se ne comprende immediatamente né il pericolo e l’imponderabile irreversibilità. Con un viaggio quasi materico l’avvocato Mori ci spiega come mai siamo finiti a dover assistere quasi inermi alla sfida tra democrazia e dittatura, nella sua interezza lasciamo al lettore la lettura:

«Oggi, nel nostro paese, non è più possibile nutrire, come democrazia vorrebbe, il medesimo rispetto o la medesima dignità verso ogni avversario politico. Si può fare solo ed unicamente un distinguo: da una parte coloro che voglio smantellare la sovranità nazionale ed i diritti individuali di ogni cittadino in nome del profitto dei mercati, divenuti la nuova forma di espressione dei rapporti di forza internazionale, dall’altra chi, indipendentemente dal colore politico attuale o di un tempo, legittimamente pretende che solo il popolo sia sovrano in qualsiasi scelta nazionale nel pieno e totale rispetto della Costituzione.
Chi appartiene alla prima fazione non può essere considerato una controparte con cui dialogare. Deve essere considerato come un soggetto eversivo, deve essere considerato come colui che sta per cancellare, in un sol colpo, i secoli di lotte e sangue che hanno portato alla nascita delle moderne democrazie. Oggi la sfida è tra forze democratiche, di ogni colore e credo politico, ed una dittatura finanziaria e relativista che cancella scientemente valori, identità nazionale e diritti umani.

Chi, come me, crede fermamente nella democrazia e nella forza della legge, come espressione dei valori fondamentali naturalmente riconosciuti, non può che avere la morte nel cuore mentre espone simili concetti. Non è piacevole ammettere che una fazione, un’importante fazione del panorama politico italiano, non ha più alcuna legittimazione democratica, ma rappresenta esclusivamente un movimento di carattere eversivo. La maggioranza del PD (dunque fatti i salvi i sempre più numerosi esponenti del partito aspramente critici con la politica ordoliberista), nonché i partiti che ne appoggiano le politiche non rappresentano un’espressione del libero pensiero democratico, ma costituiscono una gravissima minaccia per la Repubblica.

La parte del PD e gli altri partiti che portano avanti le politiche criminali della Troika sono divenuti associazioni contro l’ordine costituzionale. Come sempre, anche per non incorrere in conseguenti responsabilità penali, alla luce della forza dei concetti che espongo, risulta necessario riepilogare brevemente da dove derivi la totale fondatezza, ed assoluta insindacabilità, degli stessi (se si hanno adeguate basi scientifiche in materia economica e giuridica).
Nel nostro paese la sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (ex art. 1). Laddove tale sovranità è strappata a chi la dovrebbe detenere legalmente non può che parlarsi di atto eversivo, e ciò a prescindere dai metodi all’uopo usati (un corso sul tema servirebbe, come noto, a Giorgio Napolitano…). Imporre un vincolo esterno al controllo popolare della sovranità, nello specifico un vincolo economico e monetario da parte di un ordinamento straniero qual’è l’UE, è un atto contrario al diritto ed alla democrazia.

Quando i mercati influenzano l’andamento della democrazia solo un’opzione è legittima e conforme alla forma Repubblicana del nostro Stato. Qual’è l’opzione? Banalmente, cancellare i mercati, estinguerli! Ovviamente parlo di estinguere questi mercati parassitari che non producono alcunché a vantaggio dell’economia reale, ma la depredano. Si parla dunque di ripristinare il modello economico di cui alla nostra Costituzione, ovvero un modello liberale che tuttavia deve necessariamente anteporre l’interesse pubblico al profitto del singolo (art. 35 e ss. Cost.). Qualcosa dovrà pur distinguere l’uomo dalle bestie, oppure no?
Chiedere di cedere sovranità è pertanto una manifesta eversione dell’ordinamento democratico di cui si sono macchiati, a vario titolo, tutti gli esponenti degli ultimi Governi. Soggetti da punire ai sensi degli art. 241 e ss. c.p., ovvero di quei reati che sanzionano specificatamente la lesione di quel bene supremo che è la sovranità.

La Costituzione, come noto, prevede la sola possibilità di “limitare” la sovranità popolare, in condizioni di reciprocità con le altre nazioni, all’esclusivo fine di aderire ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia. Tali limitazioni devono avvenire, come riconfermato dalla Corte Costituzionale anche con la recentissima sentenza n. 238/2014, nel pieno rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento (art. 1-12 Cost.) e dei diritti inviolabili dell’uomo.
Le cessioni di sovranità monetaria ed economica verificatesi con le ratifiche dei Trattati UE sono palesemente contrarie, sia ai principi fondamentali della nostra carta (in primis in quanto appunto cessioni e non già mere limitazioni), che ai diritti inviolabili dell’uomo, che anzi tendono a smantellare progressivamente. Il mezzo con cui si è realizzato tutto ciò sono i vincoli di bilancio via via imposti fin dal poco noto “Protocollo 12″ allegato al Trattato di Maastricht, per poi arrivare oggi al terribile Fiscal Compact. Tali regole hanno causato e causeranno una crisi economica che costituisce e costituirà, ogni giorno di più, la leva con cui cooptare le popolazioni inducendole ad accettare lo smantellamento della democrazia.

Come hanno potuto dei parametri economici distruggere l’economia reale? Semplicissimo. E’ stato sufficiente fissare regole che imponessero agli Stati di tassare più di quanto spendono (a partire dal famoso 3% del rapporto deficit-pil). Uno Stato che tassa più della moneta che immette nel sistema attraverso la spesa, sottrae matematicamente risorse alla collettività finendo con il fermare l’economia reale per carenza di liquidità (come avverrebbe per un corpo a cui è stato tolto troppo sangue). La moneta non cresce nei campi, ma viene creata dal nulla (per lo più telematicamente), dunque se lo Stato non la immette in misura superiore a quanta ne toglie, ed in ogni caso in misura adeguata alle proprie necessità di scambio di beni o servizi dipendenti dalla produzione reale, non c’è via d’uscita alla recessione. La crescita è azzerata ed il risparmio negato istituzionalmente, con buona pace del dettato dell’art. 47 Cost. e della fondazione stessa della Repubblica sul lavoro.

Ovviamente lo scopo recondito di tutto ciò è che uno Stato inefficiente, perché obbligato a dimagrire a causa dei tagli necessari a “sostenere” simili suicidi economici, diventa inviso ai suoi stessi cittadini che a quel punto finiscono necessariamente per sostenere con passione il suo smantellamento, così andando esattamente laddove la finanza voleva portarli, ad un mondo dove l’unico diritto è rappresentato dalla forza economica ed in cui anche la vita ha un prezzo, spesso piuttosto contenuto. Bello privatizzare vero?
Ecco dunque che chi difende queste posizioni è solo e semplicemente un nemico della democrazia e della Repubblica con cui non è possibile rapportarsi. Speriamo che la Magistratura sappia prendere atto che gli artt. 241 e ss. c.p. vanno applicati, ed occorre farlo subito.

Ciascuno deve prendersi la propria responsabilità secondo il ruolo e la posizione occupata nella società, non si attende la manna dal cielo oppure il consenso, prima di far rispettare la legge. Falcone e Borsellino dovrebbero aver insegnato qualcosa a riguardo.
Che l’anno nuovo porti coraggio a chi di dovere. La mia coscienza è a posto, ho già fatto quanto potevo per la Repubblica e proseguirò.
Buon anno a tutti! Che sia quello della liberazione, vorrei tornare a fare solo l’avvocato…»

L'intervista
immagine

 

Una delegazione del Civico 117/a composta da Marco e Sandro Biviano, Sara Garofalo e Roberto Meloni dopo aver partecipato venerdì 31 ottobre 2014 alla “Conferenza sulle Malattie Rare” organizzato dall’Onorevole Paola Binetti presso la Camera del Deputati Roma rilasciano un’intervista a l’Osservatore d’Italia.

di Cinzia Marchegiani

Roma- Chi deve giudicare la sanità in Italia? Chi può intervenire in merito alla sanità e l’operato dei politici e scienziati che dietro alle vetrine di conferenze delle buone intenzioni, argomentano tesi lontane anni luce dalla quotidianità dei malati e delle loro famiglie? Il malato sente il bisogno di diventare il protagonista delle scelte imposte dall’alto e scende in prima linea per dimostrare come le parole spesso siano distanti dalle vere esigenze che solo il malato può conoscere. In virtù della conferenza sulle malattie rare, organizzato dall’Onorevole Paola Binetti presso la Camera dei Deputati, una delegazione di malati ha voluto partecipare affinché la propria voce potesse prendere forma, poiché, spesso, troppo spesso, si parla a nome delle sofferenze, si legifera e si condizionano le vite.

Il 31 ottobre 2014 al una delegazione del Civico 117/a composta da Marco e Sandro Biviano, Sara Garofalo e Roberto Meloni si è presentata al Rare Diseasess Europe’s Challenger, e ora gli stessi malati hanno sentito il bisogno di rendere pubblica la propria esperienza, affinché la politica, oltre la medicina si possa far carico di una responsabilità diversa, consapevole delle riflessioni comunicate.

Roberto Meloni, parla a nome della delegazione del Civico 117/a, e spiega all’Osservatore d’Italia le proprie valutazioni, d'altronde come spiega, sono malati affetti da patologie rare e genetiche, ma hanno integre le proprie capacità intellettuali: ”La conferenza, dal titolo inequivocabile, è stata una chermes di buoni propositi, di intenti di collaborazione fra centri di ricerca, di annunci di novità in campo scientifico, di nuovi farmaci in sperimentazione che, a detta di qualcuno, stanno dando speranze, non solo a chi investe tempo e denaro, ma anche per chi soffre di malattie orfane di terapie e che possano risolvere, ovvero, alleviare le sofferenze dei malati affetti da patologie definite fin ora dalla medicina ufficiale quali malattie incurabili”.

Meloni ci parla dell’intervento di Monsignor Andrea Manto, il quale ha parlato di speranza e di umanità, rafforzando quel concetto di apertura al dialogo e al confronto tra scienza, politica e malati, in un’ottica più olistica ed empatica fra le parti: ”Devo però, come si suol dire in questi casi, fare l’avvocato del diavolo. Francamente ho trovato surreale questo clima e spirito quasi francescano esposto nella presentazione dei centri di eccellenza dove tutti collaborano, con l’interscambio di dati ed informazioni utili ad una rapida diagnosi e alla scelta della terapia più adeguata al malato. Questi bei, quanto ingenui propositi, cozzano pesantemente su una tematica così delicata e cosi pregna di interessi economici a nove zeri. Trovo disarmante sentir parlare di collaborazioni scevre da conflitti di interessi il rappresentante di Farm industria che non credo sia una onlus.”

Insomma la delegazione sente e vive sulle proprie vite questa presentazione come l’ennesima fotocopia di sempre, fatta di annunci che oramai sentono da trent’anni, anzi Meloni affonda la stoccata:” di solito vengono divulgati in occasione delle raccolte fondi per dare credibilità alla ricerca e ricevere maggiori donazioni. Il format ha sempre un iter, si parte con una auto incensata dei traguardi raggiunti, dove, molto spesso, i traguardi si riferiscono a smentite di convinzioni scientifiche che fino a ieri loro stessi avevano ritenuto valide perché da loro costituite, per passare poi a vane speranze su nuove attività che stanno dando ottimi risultati, per poi passare ai buoi intenti da finanziare, è ovvio. Confrontare i vari annunci emanati in tutti questi anni significa avere conferma di quanto ho appena esposto. Ma al convegno cui abbiamo partecipato hanno dato le indicazione sotto forma di consiglio ricevute a priori, di non chiedere e fare domande su Stamina.”

Però.....avete sollevato una domanda su stamina, giusto?

Il prof. Novelli, è intervenuto al convegno parlando di Stamina. Superfluo sottolineare che ha parlato male di Stamina. Questo mi ha “autorizzato” a fare una domanda, proprio a lui, riguardo quella che secondo me è stata una scelta scelleratamente sbagliata ed in contrasto, proprio sul diniego di somministrare una terapia ad una bambina, Rita Lorefice, che fino a prova contraria, le aveva ridato il sorriso e la speranza. Questa scelta contrasta con quello fino allora avevo ascoltato, sia paragonandola a quelle scelte che noi tutti quotidianamente facciamo, applicando logica e buon senso al di sopra di tutto.

Ricordiamo ai lettori de l’Osservatore d’Italia che purtroppo Rita Lorefice è morta il 3 giugno 2014, una settimana prima la sentenza ordinava con urgenza, entro cinque giorni, il proseguimento della terapia con il metodo stamina che gli aveva dato la speranza di vita migliore. Quelle cure Rita non le ha fatte perché gli sono state negate dall’ospedale. Rita Lorefice aveva la Niemann Pick, le analisi strumentali e la valutazione del dottor Giannone lasciano ancora senza respiro: “il quadro normativo odierno, eseguito a poche settimane dalla prima infusione staminali, conferma l’evidente miglioramento metabolico e quindi clinico della piccola paziente, che adesso riesce ad alimentarsi meglio e più abbondantemente (diminuzione dell’epatosplenomegalia e conseguente della iperdistensione addominale) mostrando anche evidenti segni di miglioramento delle condizioni cognitiva, dell’interazione con l’ambiente e le persone, della risposta del disagio termico e delle manovre mediche più fastidiose (miglioramento del quadro generale).

Cosa le ha risposto il professor Novelli?

Non ha risposto, anzi, ha abilmente trovato il modo di offendersi dalla frase di Sandro Biviano, che chiedeva a chi dovrebbe essere attribuita la responsabilità della morte della piccola Rita. Sandro Biviano aveva genericamente detto “ Voi avete fatto morire Rita!” Con queste evidenze rimane a noi difficile pensare che la scienza possa dialogare con noi malati fin quando le nostre richieste di chiarimenti vengono interpretate come accuse personali.

In pillole, cosa vi ha lasciato questa Conferenza?

Il civico 117/a e noi malati abbiamo trovato dei luminari e studiosi che nonostante la gravità delle nostre malattie neurodegenerative, si perdono in concetti così basilari e semplici dove all’appello mancano sempre l’umiltà e l’ascolto. E’ buffo sentire sulla propria pelle le tecniche super diplomatiche per evitare risposte imbarazzanti, e dover sempre constatare che gli annunci di apertura al dialogo vengono smentiti dai fatti a distanza di pochi minuti dal messaggio medesimo. Osservandoli mi sembra come di vedere un nuotatore esperto fare la traversata della Manica e poi affogarsi in una pozzanghera con 10 centimetri d’acqua.
A proposito siamo ancora in attesa di risposte e non di chiacchiere e buoni propositi!!!
Se qualcuno volesse degnarsi, gliene saremo infinitamente grati !!!

Sig Meloni, non è il primo convegno a cui partecipa, l’ho incontrato anche alla presentazione dell’ultima fatica letteraria dell’Onorevole Paola Binetti, "Il caso Stamina, la prova dei fatti" solo pochi mesi fa, il 17 marzo 2014 , dove spiegava l’importanza di UNIAMO Federazione Italiana Malattie Rare onlus, nata per migliorare la qualità di vita delle persone colpite da malattia rara, attraverso l'attivazione, la promozione e la tutela dei diritti vitali dei malati rari nella ricerca, nella bioetica, nella salute, nelle politiche sanitarie e socio-sanitarie. Vi hanno contattato?

Sarebbe stato un primo passo nella direzione che noi malati chiediamo da sempre…ma purtroppo rimane ancora una bellissima favola. E queste conferenze non fanno che sottolineare questo vuoto istituzionale e delle promesse mai mantenute.

L'editoriale
immagine

di Christian Montagna

Che sia una nuova trovata per intimorire i magistrati che svolgono onestamente il proprio lavoro oppure una geniale idea di qualche mente illustre del nostro governo non ci è dato ancora saperlo ma, pare strano che proprio nel momento in cui si indaga sulla corruzione nelle istituzioni pubbliche, il vero male del nostro paese, è stato sferrato un attacco così grande alla magistratura. Con 187 si e 180 no, il Governo è stato battuto alla Camera sull’emendamento che introduce la responsabilità civile dei giudici per errori giudiziali. Una modifica all’articolo 26 che sarà introdotta nella legge europea. Guarda caso i primi ad esultare sono proprio i signori di Forza Italia. Ci sarebbero da scrivere pagine e pagine ma ogni tipo di commento risulterebbe superfluo riguardo questa esultazione visto che, è da un po’ di anni, molti direi, che i seguaci di Berlusconi hanno avuto non pochi problemi con la magistratura. L’approvazione è stata annunciata come una vittoria, una volontà dei cittadini italiani ed un espressione di libertà. Sì, la libertà di poter continuare a fare i propri comodi,tentando di intimorire la magistratura che prima di avviare un processo ci penserà su due volte.

L’unica opposizione a questa ennesima sciagura nazionale, proviene dal partito leader in Italia, forse l’unico che non ha interessi personali a riguardo. E’ oggettivamente parlando un colpo durissimo all’autonomia della magistratura, ultima ancora di salvezza di una nazione alla deriva. Bloccata anche questa, siamo veramente in pericolo. Con questa improvvisa storia d’amore nata tra i banchi della Camera tra il M5S e Forza Italia, assistiamo per l’ennesima volta al trionfo dell’illegalità. Ma ricordate i leader dei due partiti nelle settimane antecedenti le elezioni quante frasi d’amore si lanciavano in televisione? Ebbene, ora pare che la relazione stia andando a gonfie vele. Certo perché in questo caso, l’alleanza conviene ad entrambi. Una decisione di tale portata, non può essere trattata in maniera così frettolosa attraverso un emendamento alla legge Comunitaria. Ovviamente, il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Rodolfo Sabelli, inorridito, ha definito l’emendamento incostituzionale. Con lo stesso sdegno e la stessa preoccupazione le siamo vicini signor presidente nell’orrore di quest’ennesimo tentativo di massacro della legalità. Con la speranza che gli addetti ai lavori possano verificare la legittimità costituzionale di questa barzelletta, mi rivolgo ai giudici affinché continuino senza timore il loro operato. Prima o poi sono sicuro che i malandrini andranno tutti a casa!

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact